Mario MAURO va avanti con i tagli da MACELLERIA social militare ed a Ballarò annuncia:“Venerdì in CdM porterò i Decreti”.I CoCeR nel pomeriggio NON erano andati ad un incontro con il Ministro.

A cura di Assodipro Roma
Ieri era previsto un incontro tra i CoCeR ed il sottosegretario Alfano delegato dal ministro difesa Mauro sui decreti riguardanti la revisione dello strumento militare.  L’incontro non si è svolto per un rinvio al giorno successivo e  il no delle rappresentanze che hanno chiesto   di conoscere i testi e di discuterli in un incontro pubblico con Ministro Difesa e vertici delle FF.AA.  A fronte di questo “ scontro “ tra le rappresentanze ed il Ministero Difesa, con la situazione in apparente evoluzione, lo stesso Ministro, in serata partecipando alla trasmissione televisiva Ballarò ha rivelato le sue intenzioni scavalcando, per l’ennesima volta, tutti i CoCeR
Durante la trasmissione televisiva il ministro Mario MAURO ha detto una sola frase da ministro difesa; in risposta a critiche sulla politica che NON fa tagli per se stessa e continua a elargire soldi a pioggia con erogazioni dettate da singoli parlamentari o lobby ( si parlava dell’ultima legge di stabilità approvata ), il ministro, abbastanza risentito dalle critiche,  ha testualmente dichiarato : “ Venerdì porterò in CdM un provvedimento che farà risparmiare un miliardo di euro alla Difesa !”  A parte il risparmio che è solo sulla carta, è evidente il riferimento ai decreti sulla revisione dello strumento militare, che prevedono il taglio di 35 mila militari e la chiusura di decine di enti con pesantissime conseguenze sociali, lavorative, economiche e familiari per migliaia di militari.
Da indiscrezioni pare che i decreti arriveranno in CdM rispettando in gran parte slo i pareri dati dalle commissioni difesa pochi giorni fa ed in estrema sintesi : cancellazione del cosi detto scivolo, provvedimenti di transito degli esuberi nella P.A. con tutti i dubbi e le conseguenze applicative e pratiche, nessun elemento di tutela economica e sociale per le migliaia di militari interessati. La macelleria sociale partorita dal precedente Governo tecnico e dal ministro Di Paola sembra che si avvii al completamento. Il miliardo di euro “ risparmiato “ ed annunciato dal Ministro in diretta televisiva è solo teorico e comunque la cifra detta non sarà destinata, neanche in parte, a favorire esodi o il personale vittima di tagli che hanno il solo scopo di recuperare risorse per “ investimenti “ in progetti di armamenti anche stellari ! ( vedi interventi ripetuti da tempo e inascoltati, fatti dal T.C. Bottacchiari del CoCeR A.M. per favorire gli esuberi).
 Ricordiamo che Mauro ha rifiutato anche di rinviare di qualche mese i provvedimenti per poter raggiungere un testo almeno parzialmente condiviso e meno doloroso per il “suo personale”; Ci ritorna in mente una delle tante frasi dette da Mauro sui tagli e sulle spese militari :“ per il personale faremo tagli con l’ accetta “! La delusione sul comportamento e sugli atti del Ministro Mauro e del governo è grandissima e lo stesso, con questi provvedimenti, si avvia a raggiungere la vetta della classifica dei “ meno amati-peggiori “ ministri della Difesa, contendendo le posizioni di testa ai predecessori La Russa e Di Paola.
Aspettiamo di conoscere i decreti nel loro contenuto ufficiale ma il quadro che si preannuncia è molto desolante per migliaia di militari – lavoratori di un comparto che non prevede nessuna tutela associativa e sindacale per concertare provvedimenti pesantissimi che incidono su lavoro e vita di cittadini militari sempre più bistrattati da politica e vertici.
polita e vertici sordi e  insensibili,  attenti solo a interessi personal-lobbystici.  Sicuramente, tra quelli che sono soddisfatti del quadro che abbiamo davanti e del prezzo che sta pagando e pagherà il personale, oltre alle lobby di settore, c’è l’ex ministro Di Paola, attuale consulente di Finmeccanica e, sembra, prossimo candidato alla presidenza della stessa, e molti tra i vertici da lui nominati.  

Related Posts

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.