Polizia: Silp-Cgil, modello sicurezza non più sostenibile. Cinque polizie sono un enormità. Commissione Difesa Cancella le limitazioni agli straordinari nei festivi per le Forze Di Polizia.

Roma, 5 dic. (Adnkronos) – ''Le parole odierne del Capo della Polizia Prefetto Pansa secondo cui i tagli al comparto sicurezza 'sono diventati uno stimolo a fare di piu' e se ci manca qualcosa faremo fronte comune con tutte le forze dell'ordine affinche' il risultato non diminuisca''', secondo il Silp-Cgil ''rafforzano quanto da noi gia' sostenuto, ovvero che il modello di sicurezza di questo paese, incentrato su due o piu' polizie a competenza generale, non e' piu' sostenibile, oltre che anacronistico''. A giudizio del segretario generale del Silp-Cgil Daniele Tissone, ''per un robusto rilancio di questo Paese, e' giunta l'ora di evitare doppioni sul territorio. Occorre infatti -conclude Tissone- porre sotto un unico ministero i corpi a competenza generale perche' cinque polizie, afferenti a cinque diversi ministeri, oltre ad essere un'enormita', costituiscono un costo che si puo' ridurre, appunto, solamente con una razionalizzazione in tal senso''. 
Legge Stabilita`:Comm.Difesa,no paletti straordinari Forze ordine Approvato emendamento che cancella limiti per festivi (ANSA) – ROMA, 5 DIC – Stop al giro di vite sugli straordinari nei giorni festivi per le Forze dell`ordine. La commissione Difesa della Camera ha approvato un emendamento, che ora dovrà` passare all`esame della commissione Bilancio, che cancella le misure previste dalla Legge di Stabilita` che precisano come lo straordinario nei giorni festivi per il personale non dirigente delle Forze di polizia ad ordinamento civile e militare e per le Forze armate sia erogato solo per le ore eccedenti l`ordinario turno di servizio giornaliero. 
(ANSA) – ROMA, 5 DIC – “La realtà è che i tagli sulla sicurezza non sono più sopportabili”: c’è una situazione di “allarme rosso”. Lo afferma il segretario del Siulp Felice Romano ribadendo che “i poliziotti sono alla canna del gas”. “I toni rimodulati del capo della Polizia”, secondo il quale i tagli sono diventati uno stimolo a fare di più, dice Romano, “sono consoni al livello di responsabilità istituzionale del ruolo che ha il prefetto Alessandro Pansa”. Ma si tratta di toni “non rispondenti al grido di allarme e di attenzione che si leva dai poliziotti e dai cittadini”. La “reale situazione in cui versa la ‘macchina sicurezza’ – prosegue Romano – è però quella denunciata, sempre dal prefetto Pansa alcuni giorni orsono: con l’attuale carenza di organico e con le insufficienti risorse destinate e sopravvissute alla mannaia dei tagli indiscriminati, la Polizia non può garantire maggiore sicurezza”. E’ quindi “indispensabile” che il governo “inverta l’azione e ricominci ad investire sulla sicurezza e sui suoi operatori”. L’attuale situazione dunque, dice ancora il Siulp, “non può essere da stimolo ma solo una ‘sanitaria vigilanza’ all’eutanasia cui la sicurezza è stata condannata”. Se non si interviene “immediatamente, il tracollo del sistema è scontato”. Gli stimoli, le promesse e i pagheremo come incentivazioni a fare di più sono ormai merce avariata e non più ricevibile dai poliziotti.

Related Posts

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.