RIORDINO DELLE CARRIERE : “ Molto soddisfatti chi ? “ Silp CGIL e altri sindacati dicono NO a questo riordino mentre il CoCeR Carabinieri fa una nota informativa stupefacente.

A cura di Assodipro Nazionale

Sicurezza: riordino carriere ps; Silp Cgil, mobilitazione. Venerdi’ volantinaggio davanti questure, decreto irricevibile
(ANSA) – ROMA, 27 FEB – “Abbiamo ottenuto un appostamento di risorse importanti dal governo, non possiamo sprecare anche questa volta l’occasione di un vero riordino interno dei ruoli e delle qualifichedei poliziotti, necessario per lavorare meglio e garantire piu’ sicurezza ai cittadini. Per questo abbiamo giudicato irricevibile lo schema di decreto legislativo che contiene il provvedimento e venerdi’ prossimo saremo mobilitati davanti a tutte le questure italiane con un presidio e un volantinaggio“. Lo afferma Daniele Tissone, segretario generale del sindacato di polizia Silp Cgil, che ha lanciato la mobilitazione dei poliziotti dal titolo #riordinosimanoncosi. “I poliziotti italiani – dice Tissone – attendono il riordino dal 1995. Siamo riusciti, con la nostra battaglia, ad avere la disponibilita’ di poco meno di un miliardo di euro. La riforma che e’ stata partorita, invece, non valorizza come si dovrebbe il merito e la professionalita’, soprattutto nella fase transitoria e non risolve problemi storici di disallineamento tra polizia e altre forze dell’ordine, di mancati concorsi interni e di mancate progressioni di carriera”.
“L’appuntamento di venerdi’ prossimo – conclude – rappresenta per il Silp Cgil solo la prima di una serie di iniziative che porteremo avanti per sensibilizzare soprattutto la nostra Amministrazione e tramite essa il Governo. Anche perche’ a breve si aprira’ un’altra partita, non meno decisiva: quella del rinnovo contrattuale, atteso dalle lavoratrici e dai lavoratori in divisa da ben 8 anni“.

RIORDINO : “Le polemiche si concentrano perlopiù sui fondi destinati al riordino che secondo le OO.SS. non sarebbero sufficienti per raggiungere gli obiettivi prefissati alla vigilia. Il SAP ad esempio è tornato a parlare del delicato tema del bonus 80 euro e della mancata decisione di renderlo strutturale in busta paga. Il bonus 80 euro quindi sparirà dal prossimo anno e la riduzione dello stipendio non sarà assolutamente compensata dal riordino.
Il Conapo, invece, ha attaccato il Governo per non aver eliminato le disparità di trattamento che ci sono tra i vari corpi dello Stato e i Vigili del Fuoco”….

SUL FRONTE DEI MILITARI senza diritti di rappresentanza sindacale e quindi di completa e vera tutuela del personale si può stendere UN VELO PIETOSO su certi comunicati stile sindacato giallo di alcuni CoCeR ( ancora meno credibili dopo aver avuto in REGALO ben DUE ANNI DI PROROGA di un mandato elettivo che prevedeva 4 anni di durata che diventano addirittura 6 ) tipo il CoCeR Esercito con le solite lodi al vertice, a prescindere.

Non possiamo NON citare alcuni passaggi di una “ nota informativa “ del CoCeR Carabinieri che batte ogni precedente di comunicati stile sindacato giallo fino ad arrivare a invitare a “ diffidare da chi dissente dal provvedimento di riordino “ ! Semplicemente sconcertante. I rappresentanti doppiamente prorogati scrivono, tra l’altro : “  un provvedimento atteso oltre quattro lustri….nell’attesa di chiarire tutti gli effetti positivi del riordino chiediamo di diffidare di chi, per mera visibilità personale (!) o per altre più subdole ragioni (!) non esita a commentare negativamente un provvedimento una riforma attesa da tanti anni…..per questo insperato risultato un ringraziamento particolare va al comandante generale che ha profuso in prima persona con straordinario impegno in stretta sinergia (!) con la rappresentanza militare che ha collaborato con dedizione ed onestà intellettuale…..”

Secondo quanto letto verrebbe da pensare che è vietato qualsiasi dissenso e critica ad un provvedimento che deve essere “ molto soddisfacente “ per forza o è un provvedimento inteso come l’esecuzione di un ordine legittimo. Non scomodiamo il diritto costituzionale alla libertà di espressione che è di TUTTI, anzi ringraziamo l’esistenza e l’esercizio di tale diritto in quanto permette di scrivere certi comunicati sui quali il lettore farà la sua valutazione personale che va anche oltre il merito del provvedimento.

Il Giudizio di Assodipro sul riordino in una parola ? squilibrato. Sicuramente non  è “ molto soddisfacente “ .

Quella che segue è una delle TANTE TABELLE del Riordino, in attesa del testo così come arriverà alla Commisioni Difesa che saranno chiamate a dare un parere non vincolante sulla quale facciamo la seguente considerazione : Nelle FF.AA ( EI, AM, MM ) ci sono circa 2000 ufficiali superiori ( dirigenti ) . Per il 2018, come per anni successivi, il costo del Riordino solo per gli ufficiali superiori è di 32 milioni 781 mila e 359 euro. Dividete voi il costo annuale per il numero di dirigenti ufficiali superiori e troverete una traccia di un provvedimento squilibrato e di chi si può dichiarare “ molto soddisfatto “.

CLICCA QUI PER VEDERE LA TABELLA CITATA

Related Posts

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.