Sblocco Retribuzioni Militari e Forze di Polizia; Ancora non si conoscono particolari su risorse e modalità dello sblocco. Interrogazione M5S: "Renzi ha rilasciato deleghe ad un condannato ?

Assodipro Roma Dopo le Manifestazioni dei giorni scorsi, ad oggi , non ci sono aggiornamenti sullo sblocco delle Retribuzioni.  Non si conoscono ufficialmente le cifre e neanche le modalità dello sblocco che rimane negli annunci fatti da Alfano e Pinotti , riportati dalle agenzie, mentre si attende il promesso incontro con Renzi del 7 Ottobre che avverrà senza nessun incontro ufficiale , preliminare  – consultivo – concertativo  o preparatorio  tra Governo, Sindacati e Rappresentanze
Dell’intervento di Berlusconi nella vicenda del Blocco delle Retribuzioni per Militari e Forze di Polizia ce ne siamo occupati con articolo del nostro sito del 17 settembre ( clicca per vedere )  come Assodipro possiamo aggiungere che a quell’incontro sono andati anche rappresentanti dei CoCeR.    
La Senatrice Vilma Moronese del Movimento 5 Stelle ha presentato un interrogazione parlamentare  sull’incontro avvenuto tra Berlusconi , alcuni sindacati e vari esponenti dei CoCeR  . tratto dal fatto quotidiano.it  : “ Berlusconi, il condannato tratta con i sindacati di polizia a nome di Renzi Il 17 settembre il presidente di Forza Italia ha incontrato i rappresentanti delle forze dell'ordine: “Il premier mi ha autorizzato a dirvi che è disponibile a incontrarvi a patto che voi rinunciate allo sciopero che avete annunciato”. M5S: “Il presidente del Consiglio ha rilasciato deleghe a un condannato per frode fiscale?” Berlusconi tratta con le forze dell’ordine a nome del premier. “Renzi mi ha autorizzato a dirvi che è disponibile a incontrarvi a patto che voi rinunciate allo sciopero che avete annunciato”. E’ il 17 settembre. Silvio Berlusconi, presidente di Forza Italia, incontra i rappresentanti sindacali delleforze dell’ordine che in quei giorni protestano per il blocco dei tetti salariali previsto dal governo nel Def. E il Cavaliere, condannato per frode fiscale, espulso dal Senato e interdetto dai pubblici uffici, sembra indossare le vesti dell’emissario del presidente del Consiglio per mediare con i sindacati. Adesso il Movimento 5 Stelle presenta un’interrogazione parlamentare al premier per sapere se davvero ha dato “incarico” all’alleato di “trattare” con i rappresentanti di polizia. La portavoce 5 stelle al Senato Vilma Moronese chiede se “Renzi è a conoscenza dell’accaduto?”. E se siano state “concesse deleghe al signor Silvio Berlusconi in nome e per conto del Presidente del Consiglio a rappresentarlo o a farsi portavoce presso i cittadini, lavoratori e sigle sindacali?”. “Renzi – continua l’interrogazione – smentisca quanto dichiarato da Berlusconi chiarendo che un condannato per frode fiscale non può dichiararsi portavoce del Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana”.  

Related Posts

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.